vendere e comprare casa
23
Mar

Vendere e comprare casa contemporaneamente: 3 cose da considerare

Se sei interessato al mercato immobiliare, è molto probabile che ti sia capitato di vedere una delle tante trasmissioni televisive molto popolari nelle quale si acquista e vende casa. 

Siamo sinceri, sono molto carine e piacevoli da seguire, ma è anche vero che fanno apparire semplici anche procedure alquanto complesse

Ad esempio, vendere la propria casa per acquistarne un’altra, nello stesso momento. 

In molte trasmissioni vendere e comprare casa contemporaneamente risulta immediato, con la firma per l’acquisto del nuovo immobile che coincide con quella per la vendita del vecchio. 

Certo, il montaggio e la narrazione televisiva necessitano di tempi molto più rapidi rispetto alla realtà, ma è importante sapere che le cose non funzionano proprio così, ancor meno nel nostro Paese. 

Vediamo insieme 3 variabili da considerare quando si decide di vendere e comprare casa contemporaneamente.

1. Il mercato nel quale si opera è lo stesso

Di solito, quando si pianificano investimenti immobiliari a scopo speculativo, quindi per generare un profitto o, quantomeno, un margine da destinare all’acquisto di un’altra proprietà, si cerca di seguire i trend di mercato. 

Cosa vuol dire? 

Che, all’interno di una strategia ben ponderata, si acquista l’immobile quando il mercato è in ribasso, e quindi si può comprare ad un valore più contenuto, e si vende quando il mercato è in crescita

Vendere e comprare casa contemporaneamente esclude questa possibilità, proprio perché stiamo parlando di effettuare due azioni nel medesimo momento. 

Di conseguenza, il valore della casa che intendi vendere e quello dell’immobile da acquistare verranno definiti su una base comune, e su un trend identico. 

Se il mercato è in calo, potrai acquistare ad un prezzo più basso ma sarai costretto a vendere ad un valore inferiore. Se il mercato è in rialzo, potrai vendere ad un prezzo più alto ma sostenere una spesa maggiore in fase di acquisto. 

A questo va aggiunto uno degli errori più diffusi, che consiste nell’attribuire alla casa di proprietà da vendere un valore in realtà slegato dal mercato, frutto di comprensibili (ma inadeguate) valutazioni di carattere emotivo.

Insomma, valuta con molta attenzione il momento in cui procedere con una vendita e un acquisto simultanei. 

2. Il fai da te è sconsigliato

Una compravendita tra privati è una procedura alquanto diffusa, ampiamente codificata, e può essere portata a termine senza grossi disagi anche senza avvalersi, necessariamente, di agenti immobiliari ed esperti di real estate. 

Se la domanda e l’offerta si incontrano, potrebbe infatti essere sufficiente rivolgersi ad un notaio per la parte legale e documentale, evitando costi accessori, occupandosi autonomamente anche della promozione online e offline.

Se, invece, si cerca di vendere e comprare casa contemporaneamente è fortemente consigliato il ricorso ad un’agenzia specializzata in questo genere di operazioni, perché è tutto troppo complesso e arzigogolato per procedere con il fai da te. 

Questo cosa vuol dire? 

Che dovrai seguire un iter preciso, con tempi non dettati da te, e mettere in conto il pagamento della consulenza e dei servizi offerti dall’agenzia

In tal senso, però, il nostro consiglio è assicurarsi che l’agenzia possa davvero rappresentare un valore aggiunto nella gestione strategica e operativa delle compravendite.

3. Le tasse non perdonano

In Italia la speculazione immobiliare non è vista di buon occhio, soprattutto quando si tratta di tasse. 

Se possiedi un immobile, sai perfettamente che sulle transazioni immobiliari vengono applicate delle tasse, nello specifico un’imposta di registro, che equivale al 9% del valore catastale. 

Questa tassa può essere sensibilmente ridotta solo in caso di acquisto prima casa, grazie al bonus prima casa. 

In questi casi, infatti, la percentuale scende al 2%, ma per approfittarne è necessario non possedere un immobile, e non venderlo per almeno 5 anni. 

Quindi, se intendi vendere e comprare casa contemporaneamente, devi considerare questo non irrilevante dettaglio. 

In poche parole, pagherai molti soldi di tasse, riducendo o annullando totalmente il margine eventuale derivante dalla vendita della vecchia casa. 

Conclusioni

Come vedi, vendere e comprare casa nello stesso momento non è poi così semplice, a prescindere dalla bella e avvincente narrazione che vediamo in tv. 

I “fratelli in affari” potranno anche raccontarci un mondo a colori, nella realtà ci sono solo tantissime sfumature di grigio. 

Questo non vuol dire, sia chiaro, che non si possa procedere in tale senso o che sia, addirittura, vietato dalla legge; semplicemente, potrebbe non essere così conveniente dal punto di vista economico. 

Valuta con attenzione, e seleziona con cura un’agenzia specializzata che possa seguirti.