Come arredare un bilocale e renderlo accogliente
10
Feb

Come arredare un bilocale e renderlo accogliente

In un precedente articolo abbiamo indicato la propensione degli italiani ad acquistare o prendere in affitto appartamenti di piccole dimensioni, in particolare bilocali e trilocali.

Noi di Nuklia seguiamo questo trend già da qualche anno, in linea con quanto avviene nel settore immobiliare a livello nazionale e internazionale, progettando complessi residenziali composti principalmente da bilocali e trilocali (Beatrice e Diana), e capita spesso di registrare dubbi o perplessità da parte di potenziali acquirenti rispetto allo spazio disponibile

Si tratta di un dubbio comprensibile, ma è anche vero che se ci si orienta su questa tipologia di soluzione abitativa vuol dire che può rispondere alle proprie esigenze. 

In caso contrario, si sposta l’attenzione su immobili con una metratura più importante. 

Detto questo, vediamo un po’ come ottimizzare gli spazi e arredare un bilocale per renderlo accogliente

Prima, però, è opportuno dare una definizione chiara di bilocale, in modo da evitare confusione. 

Com’è composto un bilocale

Il bilocale è un appartamento di piccole dimensioni, composto, come suggerisce il nome, da due locali più servizi

Cosa vuol dire? 

Che un bilocale è caratterizzato dalla presenza di una zona notte, quindi dalla camera da letto, da una zona giorno, di solito un soggiorno con angolo cottura, e un bagno

Le dimensioni dell’appartamento possono variare, rispettando i minimi previsti dalla legge. 

Un esempio di bilocale potrebbe essere l’interno 2 del Complesso Beatrice, che offre una superficie di 54 mq. 

bilocale interno 2 Complesso Beatrice
Bilocale interno 2 – Complesso Beatrice

Si tratta di una soluzione molto comoda per i single, le giovani coppie, i professionisti fuori sede e gli anziani, che non hanno più bisogno di vivere in una casa di grandi dimensioni. 

Fatta questa doverosa precisazione, vediamo qualche spunto per arredare un bilocale. 

1. Evita il superfluo

Quando hai uno spazio limitato nel quale muoverti, la prima cosa da fare è rimuovere tutto ciò che è superfluo, non necessario, ingombrante. 

Si tratta del cosiddetto decluttering, un approccio all’arredamento d’interni che può applicarsi anche ad altri ambiti, diventando un vero e proprio stile di vita.

Purtroppo, tutti noi nel corso della vita tendiamo ad accumulare oggetti, alcuni utili, altri ormai obsoleti o semplicemente inutili, che conserviamo senza una apparente ragione.

Ecco, vivere in un bilocale impone un approccio diverso, meno da accumulatore seriale, riducendo al minimo l’ingombro e lasciando spazio vitale libero in casa. 

2. Scegli con cura l’arredo

Vivere in un bilocale comporta, rispetto ad appartamenti più grandi, uno sforzo minore, anche economico, per arredare le stanze, per due motivi tanto banali quanto veri: 

  • hai meno stanze da arredare;
  • hai meno spazio utile da occupare. 

Questo si traduce in una ricerca dell’arredo giusto, evitando di lasciarsi sedurre da un mobile o complemento d’arredo, magari molto bello, ma inadatto per un bilocale. 

Avendo un soggiorno con angolo cottura, devi scegliere una cucina lineare, con un tavolo piccolo ma allungabile, liberando così spazio utile per il tempo libero, quindi per un divano e un mobile per la tv.  

In camera da letto, invece, opta per un armadio con ante scorrevoli, così non avrai il problema dello spazio per l’apertura degli sportelli.

Ricordati che esiste una categoria merceologica nel mondo dell’arredamento d’interni denominato, appunto, “mobili salvaspazio”, pensati proprio per questo genere di esigenze. 

3. Ottimizza gli spazi

Una casa troppo piena di mobili e complementi di arredo risulta asfissiante, a prescindere dalle sue dimensioni

Ovviamente, se si tratta di un bilocale, semplicemente non te lo puoi permettere, ma questo non vuol dire che dovrai accontentarti di una casa spoglia e, diciamolo, un po’ triste. 

Quello che devi fare è ottimizzare gli spazi, mettendo in campo una serie di trucchi e accorgimenti pratici

Ad esempio: 

  • puoi scegliere un letto matrimoniale con ponte, che funga da armadio (se chiuso), oppure da libreria, scaffale e comodino (se aperto). Se ci pensi, la parete alle spalle del letto di solito non viene utilizzata, se non per appendere dei quadri o delle cornici di foto. Puoi approfittarne per creare dei vani aggiuntivi;
  • Invece di acquistare una madia per la cucina, dove riporre pentole e tegami, puoi optare per un mobile dispensa, dello stesso spessore e della medesima larghezza, ma con uno sviluppo verticale. In questo modo, avrai lo stesso ingombro, ma più spazio dove sistemare ciò di cui hai bisogno;
  • In soggiorno, acquista un divano con contenitore, e sostituisci il mobile tv basso con una parete attrezzata che funga anche da vetrinetta e da libreria;
  • In bagno, installa un mobile sospeso, in modo da lasciare dello spazio libero sotto il lavello dove riporre un cesto con degli asciugamani, una bilancia, o altri oggetti di cui potresti avere bisogno;
  • se disponi di un balcone o di un piccolo portico, approfitta per disporre lì un mobile da esterno dove riporre detersivi, scopa, secchio, e tutto l’occorrente per la pulizia di casa;
  • acquista una lavatrice con carica dall’alto, occupa meno spazio e non hai bisogno di spazio di manovra per aprire l’oblò frontale;
  • appendi delle mensole lungo le pareti, dove disporre oggetti, libri, foto, suppellettili varie.   

4. Punta su colori tenui o pastello

Oltre allo spazio fisico e all’arredamento, a influenzare la nostra percezione degli ambienti gioca un ruolo essenziale la luce, la luminosità della casa. 

Se vivi in un bilocale, devi puntare su colori tenui, come il bianco, il beige, il panna, oppure su toni pastello ma chiari, come il giallo, il celeste, il verde. 

Questi colori riescono a riflettere la luce del sole, illuminando gli ambienti e facendoli sembrare molto più spaziosi di quanto non siano in realtà. 

La scelta del colore impatta, come puoi immaginare, su tutto, dalle pareti ai mobili, dai tessuti alle tende. 

Conclusioni

Vivere in un bilocale porta con sé numerosi vantaggi, ad esempio minori costi in bolletta per la climatizzazione e meno tempo per la pulizia quotidiana, ma lo spazio a disposizione va gestito in modo intelligente, partendo proprio dall’arredamento. 

Speriamo di averti fornito alcuni consigli pratici e utili per rendere il tuo bilocale una casa accogliente e confortevole.