Acquistare una seconda casa
08
Jul

Acquistare una seconda casa: ecco perché conviene

Il mercato delle seconde case in Italia ha avuto una vita florida nel passato, quando moltissime famiglie decideva di acquistare una seconda casa, prevalentemente con due obiettivi:

  1. offrire una sistemazione ai propri figli per il futuro;
  2. godersi le vacanze estive nella propria località balneare preferita. 


I tempi sono cambiati, e già acquistare una prima casa presenta non poche difficoltà, eppure i dati ci forniscono una panoramica tutt’altro che depressiva. 

Vediamoli insieme. 

Acquistare una seconda casa: i dati di RE/Max Italia

In effetti, secondo quanto rilevato dal Centro Studi RE/Max Italia, quasi il 30% degli italiani desidera o intende acquistare una seconda casa al mare, in percentuale minore nelle città d’arte o in montagna.  

Mentre la domanda, quindi, è risultata stabile nel 2018, a diminuire sono stati i prezzi, relativamente al 31,67% degli immobili in vendita. 

Inoltre, quando si affronta l’acquisto o la vendita di una seconda casa si tende ad essere più flessibili rispetto al prezzo stabilito all’inizio della trattativa, dando spazio a negoziazioni al ribasso. 

In un articolo dello scorso anno pubblicato sul blog di RE/Max Italia, Gerardo Paterna – che abbiamo intervistato in un nostro video –  sottolinea il legame tra mercato turistico in Italia e opportunità immobiliari

Ti consigliamo di leggere il suo post, che trovi qui

Ma chi acquista una seconda casa in Italia? 

Beh, in prevalenza sono proprio gli italiani, con il 74%, mentre gli stranieri che decidono di investire nel mattone in Italia sono il restante 26%. 

Fatta questa doverosa premessa – perché senza dati si può solo esprimere un’opinione – vediamo insieme 3 motivi per acquistare una seconda casa

1. Acquistare una seconda casa per le vacanze

Lo abbiamo accennato all’inizio, e lo ribadiamo ora: la principale motivazione che spinge gli italiani ad acquistare una seconda casa è il desiderio di avere una soluzione abitativa di proprietà per trascorrere le vacanze estive. 

Attenzione, perché con vacanze estive forse si tende a ridimensionare il fenomeno. 

In effetti, soprattutto quando la distanza tra la casa di residenza e la seconda casa non è eccessiva, quest’ultima viene utilizzata molto più spesso rispetto al solo periodo di ferie estive: fine settimana, Natale, Pasqua, compleanni, occasioni speciali, ferie extra. 

Insomma, la seconda casa diviene, a tutti gli effetti, un luogo nel quale andarsi a rilassare e godersi un po’ di tranquillità

2. Acquistare una seconda casa per i figli

Questa motivazione è un po’ nel DNA delle famiglie italiane, che in passato – oggi un po’ meno – hanno fatto sacrifici e messo da parte un po’ di risparmi per comprare una casa da donare ai figli.

Una motivazione nobile, sicuramente da apprezzare, che consente ai figli di iniziare una nuova vita fuori dalle mura domestiche senza dover affrontare la richiesta e il pagamento di un mutuo o di un canone di affitto

A tal proposito, ti consigliamo di leggere il nostro articolo nel quale parliamo proprio di cosa scegliere tra mutuo e affitto

Rispetto al passato, oggi per i genitori è più difficile affrontare una tale spesa per il bene dei figli, per svariate ragioni, spesso non solo di carattere economico. 

Ad esempio, l’età media in cui si mette al mondo il primo figlio è cresciuta, questo vuol dire che quando sarà il momento di pensare al futuro dei figli i genitori potrebbero essere ormai in là con l’età, e avere più difficoltà a richiedere un mutuo ventennale o trentennale. 

Un’altra ragione potrebbe essere il desiderio, o la necessità, nei figli di trasferirsi lontano dalla città di origine, rendendo più complesso per i genitori la gestione dell’acquisto di una seconda casa.

Ciò nonostante, il desiderio di curarsi del futuro della prole è troppo forte in noi italiani, ecco che l’acquisto di una seconda casa per i figli continua ad essere un obiettivo concreto e forte.

3. Acquistare una seconda casa come investimento

Comprare una seconda casa come investimento rappresenta un livello di consapevolezza maggiore rispetto alle due motivazioni appena elencate.

In questo caso consideriamo “investimento” l’acquisto di un immobile non per scopi personali, ovvero non per utilizzarla in modo diretto.

Sì, perché un conto è acquistare una seconda casa per il futuro dei figli o per le vacanze, un altro è investire del denaro per produrre un reddito

Certo, anche in questi due casi si tratta, a tutti gli effetti, di un investimento immobiliare, ma le finalità sono diverse .

In questi casi, si consiglia sempre di farsi seguire da un consulente di investimenti immobiliari competente ed esperto, perché i rischi sono moltissimi. 

In linea generale, potremmo dire che acquistare una seconda casa come investimento si può tradurre in 5 soluzioni principali

  1. comprare una casa in una zona strategica, ben collegata, da affittare a lavoratori e pendolari;
  2. comprare una casa in una zona che si prevede possa esplodere in tempi rapidi, acquistando così ad un prezzo conveniente ora con l’obiettivo di vedere aumentare il valore nel prossimo futuro;
  3. comprare un appartamento in una città universitaria, investendo così nello student housing;
  4. comprare un immobile da cedere ai figli (che magari vivono in un’altra città) consentendo loro di affittarla e ottenere così un reddito;
  5. comprare una casa (magari su carta), ristrutturarla e rivenderla, al fine di ottenere un margine interessante.  

Qualunque sia il tuo obiettivo di investimento, è fondamentale giungere a questo step in possesso della consapevolezza e delle informazioni necessarie. 

Acquistare una seconda casa: le 7 domande di Chris Hogan

Chris Hogan è un investitore e mentor statunitense, molto abile nel fornire consigli finanziari agli utenti in modo chiaro e semplice. 

In un articolo pubblicato sul suo blog tempo fa (lo trovi qui), Chris indica le 7 domande da porsi prima di acquistare una seconda casa

Le domande sono le seguenti: 

  1. Perché stai acquistando questa proprietà?;
  2. Hai denaro contante disponibile per effettuare questo investimento?;
  3. Hai soldi per la manutenzione e le emergenze?;
  4. Stai pensando di utilizzare tu questa seconda?;
  5. Stai pensando di affittarla?;
  6. Hai intenzione di acquistare per poi rivendere?;
  7. Ne vale la pena? 


Ponendoti queste 7 domande, ed elaborando delle risposte sincere e concrete, potrai avere un quadro molto più chiaro e valutare con maggiore serenità l’acquisto di una seconda casa.